L'Editoriale

La politica come una Public company, stavolta Grillo è fuori strada

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Nel Paese del capitalismo familiare le public company sono sempre state un’idea bizzarra. È capitato, per brevi periodi, che qualche grande azienda sia rimasta senza un padrone, ufficialmente controllata da migliaia di piccoli azionisti ma di fatto “occupata” dai manager. Un quadro che non può sfuggire a un attento osservatore dell’economia italiana, con le sue anomalie, come è Beppe Grillo. Eppure il fondatore dei Cinque Stelle, che ha il merito di aver sempre posto il tema del finanziamento della politica, ieri ha ripercorso la suggestione – o forse è meglio dire l’illusione – di una partecipazione diffusa ai costi della politica. Grillo non predica nel deserto, perché dopo il suo post in rete per chiedere un sostegno economico a una platea più larga possibile sono arrivati in poco tempo 105.556 euro da 2.744 persone (in media 38 euro a testa). Soldi utili ma insufficienti perché la politica costa. Pensiamo agli Stati Uniti dove a fine campagna elettorale Hillary Clinton si stima avrà raccolto un miliardo di dollari. Senza i fondi pubblici e il sogno dei cittadini che regalano soldi ai politici restano perciò le solite lobby. Il resto è utopia.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA