L'Editoriale

La politica degli insulti non paga

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La politica degli insulti ci regala una nuova perdibilissima pagina con Beppe Grillo che dà del cialtrone a Renzi. Di argomenti il fondatore dei Cinque Stelle ne ha quanti ne vuole, ma ogni scalino che si scende nella civiltà del confronto politico è un gradino che non si risale più. La lite su quanti voti ha preso in più o in meno il Movimento lascia d’altronde il tempo che trova. I verdetti che contano nelle tornate amministrative sono quelli dei ballottaggi. Un’elezione completamente diversa dal primo turno, dove i voti conquistati solo due settimane prima vengono azzerati e si riparte da zero. La polemica dimostra quindi un forte nervosismo per i colpi bassi che gli schieramenti di questa Italia politicamente tripolare – Pd, Cinque Stelle e partiti di Centrodestra – minacciano di darsi. Salvini pronto ad allearsi con chiunque pur di battere Renzi, Sala e Parisi che schiacciano l’occhio ai grillini, la Raggi e l’Appendino che a Roma e Torino temono la confluenza dei voti moderati verso i candidati Pd, sono le variabili possibili di un ballottaggio dove può succedere di tutto. Tranne vedere i nostri politici che si confrontano senza insultarsi.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »