La vendetta di Renzi sulle nomine pubbliche. Ecco cosa c’è dietro le fibrillazioni dell’Esecutivo

di Gaetano Pedullà

Chi nasce tondo non può morire quadrato, e dunque ieri Matteo Renzi è arrivato in Senato direttamente dalle piste di sci in Pakistan e dopo aver escluso defezioni dal suo gruppo parlamentare ha annunciato addirittura l’arrivo di due rinforzi. Il bomba, come lo chiamavano già da giovane a Firenze, sa perfettamente di aver tirato la corda più del dovuto, e tanto scalciare ha messo in moto ex forzisti, apolidi del Gruppo misto e anche qualche renziano per adesso silente, costruendo un’alternativa alla presenza di Italia viva nella maggioranza. Stasera l’ex rottamatore potrebbe trarne le conseguenze, e a Porta a Porta – dove se no? – andare a Canossa o annunciare l’uscita dal Governo.

In questo secondo caso la navigazione alla Camera e soprattutto al Senato sarà difficoltosa, ma sempre meno impervia di quanto non lo sia tenendo a bordo chi finora non ha fatto altro che sabotare la nave. A trarne beneficio sarà anche la stabilità economica del Paese, visto che dietro il paravento del ripristino della prescrizione c’è sempre stata la guerra a Conte, per l’inconfessabile motivo di contare di più nelle prossime nomine pubbliche e lì consumare la più feroce delle vendette. I vertici in scadenza di Eni, Enel, Poste, Leonardo, Terna e tanta altra roba ancora, sono stati tutti indicati da Renzi direttamente o per interposta persona nel successivo Esecutivo Gentiloni.

Alcuni di questi manager hanno lavorato con successo. E in una logica di servizio del Paese hanno mostrato lealtà all’azionista ministero del Tesoro e a Palazzo Chigi, indipendentemente dal cambio di scenario politico prima con i gialloverdi e adesso i giallorossi. Per questo, chi più chi meno, questi capi azienda si sono dovuti de-renzizzare, facendo sì che il dominus assoluto del loro ruolo se la sia legata al dito e adesso voglia restituire la cortesia. Delle nomine e di cosa c’è dietro scriveremo nei prossimi giorni, ma qui possiamo anticipare che un Governo del Cambiamento non può assolutamente tollerare le porcherie del passato, come la presidenza di Leonardo regalata (pare per forte intercessione di Giorgio Napolitano) al capo della polizia ai tempi delle torture nella scuola Diaz di Genova, Gianni De Gennaro, o la designazione di pluri-indagati come gli attuali Ad di Eni e Leonardo, Claudio Descalzi e Alessandro Profumo.

Di manager capaci, degni di incarichi tanto importanti per i loro meriti e non per le ingombranti lobby che li sostengono ce ne sono tanti, giovani e preparati, con curriculum molto più adatti a realizzare un maggiore cambiamento in termini di sostenibilità, rispetto dell’ambiente e inclusione. Chi ha lavorato bene e sta portando avanti piani ambiziosi, che hanno bisogno di più anni per realizzarsi, deve poter continuare, anche se a Renzi questi signori scelti da lui adesso non stanno più bene, e magari finge pure di volerli difendere dispensando apprezzamenti che equivalgono a micidiali baci della morte.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua

Destra sempre più egoista

Ci voleva un numero di morti da giorni impressionante per far venire in mente almeno a un pezzo del Centrodestra che è ora di cambiare musica, smetterla col gioco facile di soffiare sul malcontento della piazza e accordare invece una tregua al Governo per dare in fretta agli italiani gli aiuti che servono. In tal…

Continua