L'Editoriale

La verifica fatela agli ospedali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Invece di andare a vedere in che condizioni sono gli ospedali, o per quale caspita di motivo non si riesce a limitare la folla nelle vie dello shopping, ieri le prime due forze politiche della maggioranza sono andate a verificare quanto possono far girare le pale agli italiani certi minuetti da Prima Repubblica. D’altra parte, le sparate continue dei renziani e i silenzi del Pd non lasciavano scelta.

Così si è riesumato il vecchio rituale dei buoni propositi detti in faccia e dei desideri inconfessabili, per chi li ha, tenuti nel taschino. Risultato: i 5 Stelle, obbligati ad esserci, i dem felicissimi di mettere Conte in croce scaricandone la “colpa” su Renzi, e quest’ultimo orgoglioso dell’ennesimo successo politico con cui può star certo di moltiplicare gli elettori (degli altri). Una situazione che ha fatto bene Di Maio a definire surreale, perché in mezzo a una pandemia ci si dovrebbe concentrare sulla sicurezza del Paese prima di pensare a tutto il resto.

In ogni caso non sappiamo ancora quante poltrone vogliono i dem o Renzi (va a Palazzo Chigi oggi a ora di pranzo, e chissà che non sia un segnale). Poi vedremo se si andrà incontro a un rimpasto di Governo di cui solo Italia Viva e qualche papavero del Pd sentono la mancanza, oppure al licenziamento del premier, per quanto improbabile visto che un Cottarelli qualunque a cui far finta di affidare il timone si può pure trovare, ma poi appeso ai voti dei due Mattei e di qualche peones non illudiamoci che riesca a portare a casa i fondi Ue o non si schianti alla prima curva dell’ordinaria amministrazione.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile. Oggi perciò ce n’è per

Continua »