L'Editoriale

L’antimafia di nuovo in politica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Fateci fare un po’ di ironia: con solo 16 impresentabili abbiamo le elezioni regionali più pulite della storia. Ma battute a parte, in realtà mai voto è stato più inquinato. L’uscita di un documento dell’antimafia a poche ore dalle urne è un precedente istituzionale assoluto. E preoccupante. Non è infatti un precedente fare politica utilizzando mafia e malaffare per colpire gli avversari politici. Senza scomodare Sciascia, che per primo svelò il giochetto dei professionisti dell’antimafia, tirare fuori un elenco come quello della Bindi significa inevitabilmente condizionare l’elettorato. E soprattutto esporre le istituzioni al sospetto che si utilizzi la Commissione antimafia per regolare conti politici tra i partiti e interni ai partiti. Di candidati impresentabili ne abbiamo avuti sempre tanti, troppo spesso eletti. A decidere però devono essere i cittadini. Non la dittatura dell’antimafia. Dunque è sacrosanto far sapere chi ha conti aperti con la giustizia. Ma questo va fatto all’accettazione delle candidature, non due minuti prima del voto e con una tale enfasi da orientare gli elettori a scansare più i partiti di questi impresentabili che i diretti interessati.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA