L'Editoriale

L’antimafia paga il pizzo a Milazzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Sicuramente il 23 maggio 1992 nessuno dei consiglieri comunali di Milazzo è stato sull’autostrada vicino Capaci dove hanno ammazzato Giovanni Falcone, la moglie e tre uomini della scorta. Nessuno di questi amministratori della cittadina in provincia di Messina, che i più conoscono giusto per l’imbarco degli aliscafi verso le isole eolie, ha respirato l’aria impregnata di tritolo e sangue in via D’Amelio, a Palermo, dopo che il 19 luglio dello stesso tragico ’92 una bomba assassinò Paolo Borsellino e cinque agenti.

Se solo questi signori, che farebbero meglio a occuparsi sul serio dei problemi della loro città, avessero toccato con mano l’orrore di quelle stragi non avrebbero potuto litigare per assegnare il nome dei due magistrati alla sala consiliare del loro municipio. Una intitolazione bocciata dalla maggioranza del Pd solo perché a proporla era stata l’opposizione di centrodestra. Piccoli giochetti di Palazzo, insomma, che non fanno nemmeno il solletico alla mafia ma dicono tutto su come sia malridotta oggi l’antimafia, capace di maltrattare due icone come Falcone e Borsellino pur di pagare un insopportabile pizzo a certa miserabile politica.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA