L'Editoriale

Lapo Elkann, rispettare prima di giudicare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Lapo Elkann deve fare i conti con il peggiore dei nemici possibili: se stesso. L’uomo è di una intelligenza, anzi di una genialità, con cui può uscire dall’ennesimo polverone lindo come si conviene all’ingresso del prossimo party. Per questo l’ironia che ieri ha invaso internet e i giochi di parole con cui anche noi oggi scherziamo sono un modo di esorcizzare una situazione di evidente difficoltà umana. Cosa invece molto diversa è il livore – per non dire l’orrore – con cui tanti hanno vomitato sui social network il loro odio sociale per un presunto fortunato. Il potere o la ricchezza servono a poco se c’è da combattere i propri mostri e supporre che da una situazione di privilegio tutto sia più facile è un’autentica stupidaggine. Quando si soffre si è nudi davanti al dolore, anche se si indossa un bell’abito. Più che giudicare, serve allora rispettare. Troppo facile buttarla persino in politica – e oggi sui giornali non mancheranno i commentatori pronti a farci la morale in chiave anti Agnelli – ma se Lapo ha qualche problema, tutti questi signori stanno anche peggio.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA