L'Editoriale

L’autorete di Alfano sui prefetti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Il Governo chiede di sistemare in qualche modo gli immigrati, ma poi se scoppiano disordini perché i vicini non gradiscono la colpa è loro. Troppo facile. Ed ecco che dopo il metrò e l’Ikea adesso a voler protestare sono pure le prefetture. Siamo maestri nello scaricare le responsabilità e i nostri politici campioni del mondo. Proprio mentre l’Europa ci bastona, riducendo da 40 a 32mila le quote dei migranti sbarcati in Italia che vanno redistribuiti nei diversi Paesi, il Governo restituisce il colpo nella direzione sbagliata. Anziché mettere con le spalle al muro i nostri partner, si trasferisce il prefetto di Treviso o si lascia senza protezione il prefetto di Roma insultato platealmente da un politico qualunque delle Marche. Sugli immigrati l’Italia e l’Europa hanno politiche troppe deboli per resistere a un esodo biblico da una parte e ai populismi dall’altra. Ma cercare nei prefetti il capro espiatorio è più di una carognata. Si cerca il consenso a corto raggio, gettando un osso alle comunità locali sul piede di guerra, a costo però di sacrificare la credibilità e il ruolo di un presidio fondamentale sul territorio. Dagli al prefetto! Perfetto!

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »