L'Editoriale

Le piazze arrostite dai carnefici

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Tra Confindustria e i lavoratori il Governo di Giuseppe Conte non si è piegato ai padroni, e ieri ha informato i sindacati che il blocco dei licenziamenti non si tocca fino a marzo. La vecchia politica non usava così, e anche questo spiega perché i poteri forti, o sedicenti tali, pompino le opposizioni sui propri giornali e televisioni, mistificando e denigrando ogni sforzo dell’Esecutivo contro la pandemia.

Ognuno – si dirà – tira l’acqua al proprio mulino, ma da giorni stiamo assistendo a quelli che non sono più i soliti colpi sotto la cintura, bensì un irresponsabile agitare le piazze. Ovviamente le paure per la salute e l’economia sono giuste e diffuse, ma una cosa è discuterne e un’altra soffiare sul fuoco. Le destre qui non si sporcano le mani, e a sentirne i leader nessuno vuole un nuovo lockdown e tutti condannano i vandalismi. Poi però il “lavoro sporco” lo lasciano fare ai loro trombettieri, travestiti da giornalisti e conduttori tv, impegnati a ripetere tutto il giorno accuse piene di falsità e capaci di far bestemmiare pure i santi.

Così proprio chi diceva questa estate che il virus era morto e non serviva mettere le mascherine ora rimprovera il premier di non aver fatto nulla per impedire la seconda ondata del Covid. E si prova a buttar giù chi si oppone a chiudere tutto più dei colleghi di Germania e Francia, o di Salvini, Meloni e certi governatori, a sentire quello che dicono a ore alterne salvo smentirsi subito dopo. Con tanti saluti alle piazze che rischiano di fare il gioco proprio di chi le sta usando, e finirà per ammazzarle se alla fine si dovrà richiudere tutto.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA