L'Editoriale

Le porcate della politica d’estate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Estate, tempo di porcate. Al Senato passa col voto di fiducia il taglio di 2,3 miliardi alla Sanità. I nostri ospedali sono da ricovero e gli levano altro ossigeno. Incommentabile il ministro Boschi, secondo cui i tagli sono stati decisi con le Regioni (certo, con la pistola alla tempia). Ma è in Campidoglio che il sole batte più forte e allora Marino vince la palma del paradossale. Da due anni Roma è amministrata come una chiavica. Inchieste della magistratura, disservizi e la figuraccia sui giornali di tutto il mondo costringono il sindaco a cambiare la Giunta. E cosa fa l’ineffabile primo cittadino? Anziché chiamare dei Santi, disposti a lavorare 24 ore al giorno per salvare il salvabile, nomina assessori un deputato e un senatore che la mattina lavoreranno nelle rispettive assemblee e il pomeriggio si dedicheranno al Comune. Una responsabilità tanto gravosa davanti a una città che è la Capitale del Paese avrebbero imposto un gesto di servizio, la scelta tra un incarico e l’altro, ma evidentemente i due neo assessori sono i primi a dubitare della Giunta. E dunque di dimissioni dal Parlamento non se ne parla. Quando si tocca il fondo, c’è sempre da scavare.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »