L'Editoriale

Le promesse da marinaio della Lorenzin

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Togliere ancora risorse agli ospedali è una vergogna. Ma lo sanno i nostri politici come sono ridotti? Lo sanno che non c’è personale? Lo sanno che i poveri cristi possono stare settimane in barella aspettando un posto? I lettori de La Notizia ci scusino se ripetiamo fino alla nausea queste domande, ma siamo convinti che i giornali è di questo che si devono occupare, per gridare in faccia a chi decide quello che i cittadini con meno voce chiedono di far sentire. Uno sforzo che però al momento pare inutile. Il commissario alla spending review Gutgeld ha blindato un taglio sulla carne viva dei cittadini. E il docile ministro Lorenzin, che se continua così vedremo presto accontentata e imbarcata nel Pd, non ha opposto resistenza. Non ci saranno tagli ai servizi, ha detto sapendo di mentire il ministro che in Conferenza Stato-Regioni si è impegnata a definire le prestazioni da far diventare a pagamento. Si taglieranno solo gli sprechi, è stata l’altra promessa da marinaio. Solo pochi mesi fa però sempre la Lorenzin diceva che gli sprechi dei costi standard erano una leggenda metropolitana. E se gli sprechi non ci sono, allora restano i tagli.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA