L'Editoriale

L’Europa spartita all’Eliseo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Un’Europa più sovrana, efficace e democratica. Il presidente francese Macron e la quasi confermata cancelliera tedesca Merkel hanno deciso che sarà questo il volto dell’Europa che si stanno spartendo, alla faccia del rispetto per la democrazia e la sovranità degli altri Paesi. I due leader partono da un punto incontestabile: così com’è questa Europa non funziona. O si va avanti nel processo di integrazione, anche politica, oppure la Comunità resterà un nano tra Usa, Russia e Cina. Detto questo, Parigi e Berlino hanno due strade per raggiungere il loro obiettivo: condividere con tutti i partner dell’Unione il controllo di un soggetto con maggiori poteri oppure prendersi la torta e lasciare agli altri le briciole. Troppo facile capire cosa hanno già scelto e a scanso di equivoci ormai si parla apertamente di nuovo asse franco-tedesco. Risolto il problema Gran Bretagna, che ha scelto di restare ancorata a Washington piuttosto che a Bruxelles, i due maggiori Paesi europei sono i padroni del continente. L’area mediterranea, indebitata e senza più sponde, può mettersi al traino, come il Commissario Ue Pierre Moscovici ci ha appena suggerito, invitando a non sostenere il 4 marzo i partiti euroscettici. Un’ingerenza nelle questioni interne del nostro Paese che svela la vera idea di sovranità e democrazia a cui pensano i leader riuniti ieri all’Eliseo. Uno scenario che per l’Italia non promette bene, schiacciati come siamo dagli interessi di due competitor che storicamente non ci hanno mai fatto beneficienza.

Gli ultimi editoriali

Segnali di saggezza da Marte

Dopo aver assistito inerme alla lapidazione quotidiana dei Cinque Stelle sul 98% dei giornali e telegiornali dello Stivale, ieri Beppe Grillo ha svelato ai suoi

Continua »