L'Editoriale

L’illusione delle riforme a metà

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

di Gaetano Pedullà

Chi lo dice che lavorare stanca? Guardate la minoranza Pd: tanto hanno lavorato ai fianchi Renzi che alla fine sono riusciti ad annacquare la riforma del Lavoro. E gli alleati del Ncd? Ancora più lavoratori, protestano ininterrottamente da giorni. E ieri hanno minacciato la crisi se oggi l’esecutivo presenterà l’atteso emendamento al Job Act, con il reintegro in caso di licenziamenti disciplinari. Lavorano come matti la Cgil e la Fiom (ormai una storia a sé), che si oppongono a ogni minima riduzione delle garanzie dei loro tesserati (sempre meno numerosi ma ancora super garantiti). Tant’è vero che lo sciopero sociale di venerdì scorso ha fatto il pieno di manifestanti e di incidenti. A cosa è servita dunque la retromarcia del Governo sulla riforma del lavoro? A nulla. La concessione alla minoranza Pd ha scoperto il centro, rendendo la coalizione più instabile di prima. Mentre la Cgil se n’è proprio fregata del passo indietro, agitando come prima e più di prima la piazza. Renzi non si illuda allora di galleggiare approvando riforme a metà. E ricordi che le volpi, anche in politica, come diceva Andreotti prima o poi finiscono in pellicceria.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »