L'Editoriale

L’ipocrisia da estirpare nel Pd

ROCCO CASALINO
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Anni fa mi sono appuntato una frase di Khaled Hosseini, lo straordinario autore del Cacciatore di aquiloni e di Mille splendidi soli: è meglio essere feriti dalla verità che essere consolati da una menzogna. Un aforisma che ieri pomeriggio mi andava e tornava in mente via via che montava la polemica su un’affermazione di Rocco Casalino. “Nel Pd ci sono cancri da estirpare” ha detto l’ex portavoce di Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, scatenando un fuoco di fila di dichiarazioni indignate.

I motivi richiamati dagli offesissimi dem, a partire dai renziani in sonno a via del Nazareno, sono il riferimento al cancro, perché ne potrebbe offendere i malati, e l’intrusione nei fatti di un partito politico, di cui evidentemente possono parlare solo i tesserati. Ma tra Casalino e il Pd – dove si è appena dimesso il segretario vergognandosi di chi non pensa ad altro che alle poltrone mentre dilaga una pandemia – chi sta ferendo con una verità e chi si sta consolando con una menzogna?

Per chi guarda la politica con gli occhi dell’ipocrisia, l’ex capo della comunicazione dei 5 Stelle ha detto cose imperdonabili, ma chi segue i fatti del Pd sa perfettamente che in quel partito – come più o meno in tutti – ci sono inconfessabili manovre di potere. E dietro queste miserie umane, sedicenti uomini delle istituzioni per cui 100mila morti di Covid o la tragedia economica di milioni di italiani vengono dopo. Naturale che se qualcuno li paragona a un cancro si incazzano. Sono stati scoperti e non c’è foglia del politicamente corretto che possa bastare a coprirne le vergogne.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile (leggi l’editoriale di ieri). Oggi

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA