L'Editoriale

L’Istat e le incredibili statistiche sugli occupati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Per l’Istat non c’è nessuna contraddizione nei dati sul lavoro. Alzi la mano però chi ci ha capito qualcosa. E chi a questo punto crede ancora al nostro istituto di statistica. Se un giorno ci dicono che gli occupati diminuiscono, quello dopo sappiamo che i posti aumentano. Una rivelazione certifica che la sfiducia è tanta da spingere i giovani a rinunciare persino all’inutile invio dei curriculum, mentre il sondaggio dopo attesta che si riduce il numero dei cosiddetti Neet, cioè gli inattivi che non studiano e non lavorano.

Ora è risaputo che dai tempi di Trilussa la statistica non è esattamente una scienza esatta. “Secondo le statistiche d’adesso – scriveva già all’epoca il poeta romano – risurta che te tocca un pollo all’anno. E se nun entra nelle tue spese, t’entra nella statistica lo stesso perché c’è un antro che ne magna due”. Quindi su certi numeri lasciateci un po’ d’incertezza. Ma passare continuamente da un polo all’altro del pianeta è un’altra cosa. Qui qualcuno ci sta prendendo in giro. E a furia di dirci un giorno che è tutto rosa e l’altro che è tutto nero alla fine non crederemo più neppure ai colori.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA