L'Editoriale

L’ultimo dei misteri italiani

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Non farsi trascinare in una guerra che non abbiamo neppure i mezzi per fare. Sulla Libia, la strategia del nostro Governo è chiara e ampiamente condivisa nel Paese. Tanto che ieri il ministro Gentiloni l’ha ribadita in Parlamento: non è tempo di avventure. Un’altra cosa però è difendere i nostri connazionali nelle situazioni di crisi. Dal caso dei Marò prigionieri in India sino al povero Regeni, torturato in Egitto, le nostre diplomazia e intelligence fanno acqua da troppe parti. Se è vero che l’Italia ha un’invidiabile percentuale di ostaggi in aree di crisi che tornano a casa, è anche vero che in molti casi abbiamo pagato riscatti ai terroristi. Scambi inconfessabili, come molte delle cose che avvengono in Paesi incontrollabili e in stato di guerra. Così dovremmo accontentarci di favolette come quella dei due colleghi di Failla e Piano, liberatisi da soli. O se preferite di Gesù Cristo morto di raffreddore. La drammaticità della telefonata di Failla ci impone invece di sapere di più. Di sapere tutto. A partire da quella voce italiana che si sente accanto al nostro operaio ucciso. L’ennesimo mistero italiano, di cui non sentivamo davvero il bisogno.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA