L'Editoriale

L’Unione era solo un’illusione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Oggi l’Eurogruppo – che è la riunione dei ministri delle Finanze dell’Unione europea – si chiuderà come quasi sempre con un nulla di fatto. Questa volta però sul tavolo non c’è l’ordinaria amministrazione, ma la decisione di vita o di morte sulla Grecia e sulla stessa idea di Europa. Un’idea certamente confusa. Molto probabilmente Atene sarà fatta fallire, lasciando cadere uno dei Paesi fondatori della comunità. Le conseguenze su tutta l’economia dell’Unione e sull’euro sono ancora oggi imprevedibili e potenzialmente disastrose. Ma è sugli immigrati che questa Europa scrive il suo certificate di morte. Di fronte a centinaia di morti e all’evidente impossibilità dei soli Paesi mediterranei a gestire un’emergenza continentale, tutte le capitali continuano a tirarsi indietro. Londra come Parigi, Berlino e Bruxelles ci darà un po’ di soldi in più, qualche nave e tante pacche sulla spalla. Ma gli immigrati ce li dobbiamo tenere noi, come se l’Italia potesse dare rifugio a tutti i fantasmi dell’Africa. Interi popoli in fuga da guerre e miseria dopo che la stessa Europa – che adesso se ne lava le mani – in quella parte del mondo ha fatto per secoli gli affaracci suoi.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA