L'Editoriale

Missili dati in mano ai furbetti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Qui non c’entra nessuna vendetta sulla polizia per i fatti del G8 di Genova, ma l’inopportunità di un presidente come De Gennaro per Finmeccanica è evidentissima. Lo è perché il massimo rappresentante del nostro gruppo aerospaziale e della difesa pubblico è una sorta di biglietto da visita in tutti i potenziali mercati nel mondo. E presentarci con un signore che faceva il capo della polizia quando secondo la Corte di Strasburgo quella stessa polizia compiva torture può dare solo un’immagine devastante del nostro Paese. Ma c’è pure un altro motivo per cui il Governo dovrebbe provvedere visto che De Gennaro si sta guardando bene dal fare un dignitoso passo indietro. Il motivo è che il vero dominus di questa azienda – già al centro di scandali di ogni tipo – è quel Mauro Moretti sotto processo per strage. La prova evidente, in sostanza, che in Italia si fa carriera tutta al contrario. E se hai amici e potere puoi sfuggire a ogni responsabilità. Quello che in un Paese normale non sarebbe tollerato in un’azienda privata qua può passare senza fare una piega in un colosso pubblico. E poi ci si stupisce che una certa furbizia sia lo sport nazionale.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA