L'Editoriale

Montesano stavolta non fa ridere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Nel film Febbre da cavallo ci ha fatto molto ridere, ma stavolta Enrico Montesano ha sbagliato malattia, e a quanto pare dopodomani sarà in piazza a Roma, alla manifestazione di pochi buontemponi che per non insultarli diversamente definiremo negazionisti. Con ottime compagnie, tipo la deputata No Vax Sara Cunial, quella che ha strappato nell’Aula della Camera i Dpcm e dice di non aver mai messo per principio le mascherine, Montesano dovrebbe farci divertire con la vecchia barzelletta della dittatura sanitaria e di un Governo di pazzi che vuole farci morire di paura per non perdere il potere o altre minchiate del genere.

Nessuno deve avergli detto che il virus corre in tutto il mondo, dove si stanno richiudendo bar, ristoranti e città intere, mentre in Italia i contagi proprio ieri sono volati a 3.678 anche grazie ad apprendisti virologi tipo Briatore e Sgarbi, per non parlare di Salvini che gira l’Italia assembrando senza protezione i suoi sostenitori. Gente che confonde la propria libertà anche di ammazzarsi con il diritto di tutti alla salute, a fronte di una pandemia che giustamente ci spaventa, in quanto non sappiamo ancora come difenderci e che postumi lascia.

Certo, anche i tumori e l’influenza sono mortali e per questo non si ferma il mondo, ma i tumori non si contagiano e per l’influenza ci sono le cure, per quanto insufficienti a salvare migliaia di persone che ne muoiono ogni anno perché anziane e immunodepresse, o perché non fanno il vaccino preventivo, incredule a tutto come Montesano.

Gli ultimi editoriali