L'Editoriale

Nella guerra di potere perde Di Maio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Contrordine compagni: l’assessore di Roma indagata che ha nascosto spudoratamente la sua condizione giudiziaria resta al suo posto mentre il componente del direttorio Di Maio finisce sotto accusa. Quello che viene indicato come uno dei maggiori leader dei Cinque Stelle non avrebbe capito l’email in cui lo avvertivano dell’azione della magistratura sulla componente della Giunta Raggi. Nella prima vera battaglia di potere dentro il Movimento capiamo così chi ha vinto e chi ha perso. Ha vinto la componente romana che fa capo al defilato Di Battista, si è salvata (per ora) la Raggi e ha perso Di Maio, ridimensionato con gran gioia da chi ne stava soffrendo un peso crescente nella compagine grillina. Una partita identica a tante altre viste da sempre in politica, che di fatto omologa i Cinque Stelle a quei partiti con cui il Movimento dice da sempre di non avere nulla in comune. Per Grillo tutta questa evidente presa in giro degli elettori è solo una reazione del sistema, una montatura dei giornali. Ma stavolta gridare al complotto serve a poco. L’ultima bugia dopo quelle dell’assessore Muraro, del sindaco Raggi e di Di Maio.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA