L'Editoriale

Non fermarsi sulla strada delle riforme

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Solo qualche anno fa bastava un sospiro delle agenzie di rating sui nostri conti pubblici per vedere ondeggiare pericolosamente i mercati. Ora possono promuoverci, dire che stiamo facendo bene con le riforme, alzare le stime ma non succede niente. Un po’ è anche colpa loro. Nei mesi della grande tempesta finanziaria queste società giocarono così sporco con i loro giudizi (e di conseguenza con gli spread) da finire sotto processo. Ma la reazione fiacca alle previsioni positive sull’Italia espresse ieri da Standard & Poor’s accende l’allarme su un principio di assuefazione al tema delle riforme. A furia di parlarne ci si sta convincendo che molte le abbiamo fatte. E molto in profondità. Nulla di più sbagliato, purtroppo. Questo Paese è in tale deficit di riforme che quanto abbiamo visto nell’ultimo anno può essere paragonato a un antipasto fatto con due olive. Riforma costituzionale, Italicum, Jobs Act e ora la scuola sono risultati importanti ma insufficienti per rimetterci in riga. Il clima è positivo, i segni di ripresa ci sono. Accontentarsi e tirare il fiato sulla strada delle riforme renderebbe però tutto questo inutile. E tornare a cadere sarà un attimo.

Gli ultimi editoriali

Sembra Draghi ma è Putin

Per convincerli in appena dieci minuti, Draghi deve essere stato più che esplicito. Convocati d’urgenza i ministri, ieri pomeriggio li ha messi con le spalle

Continua »