L'Editoriale

Non siamo una colonia di ArcelorMittal

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La mossa della multinazionale indiana ArcelorMittal che minaccia di andarsene dall’Ilva non era affatto imprevista, e anzi era quasi scontata visto che parliamo di uno dei gruppi più rilevanti di un Paese che ci ha sequestrato per anni due nostri marò, e adesso pretende di gestire un’azienda altamente inquinante col salvacondotto dell’immunità penale, una sorta di protezione medioevale grazie alla quale nessuno paga se si continua a morire attorno all’acciaieria di Taranto.

In realtà quello degli indiani è un ricatto, per di più al di fuori della legge alla quale neppure con tutte le loro rupie possono sottrarsi, perché la rescissione del contratto va autorizzata da un tribunale e non con il libero arbitrio di chi pensa di trattare l’Italia senza alcun rispetto. Purtroppo dalla parte di ArcelorMittal c’è l’accordo firmato a suo tempo dal ministro Carlo Calenda, poi migliorato sui posti di lavoro nella contrattazione col successore al Mise, Luigi Di Maio. Nel frattempo le emissioni inquinanti sono rimaste altissime, e in un incidente sul lavoro negli altiforni c’è scappato pure il morto.

La Procura di Taranto aveva deciso lo spegnimento dell’impianto, poi revocato, a dimostrazione di una fortissima responsabilità anche da parte della magistratura. L’Ilva è l’unica occasione di lavoro per migliaia di persone in un’area ad alto tasso di disoccupazione, ma questo aspetto non può essere usato come alibi all’infinito. E soprattutto non può impedire di mettere lo stabilimento in sicurezza rispettando le leggi. Un principio sul quale neppure in ArcelorMittal possono permettersi di fare gli indiani.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »