L'Editoriale

Operazione Diffama i Cinque Stelle. Ecco come li stanno linciando

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La grande operazione “Diffama i Cinque Stelle” va avanti da anni, ma dopo il voto in Abruzzo e Sardegna è scattata l’offensiva, con una raffica di storielle amplificate all’infinito e – vedi la coincidenza – finite tutte in prima pagina sui soliti giornaloni, come se i guai del Paese non offrissero ampia scelta tra i problemi veri. Così ieri questo un quotidiano metteva in massima evidenza le rivelazioni del ministro Tria in Parlamento sul ricatto subito dall’Italia per accettare il bail-in con la minaccia del ministro tedesco dell’epoca di spargere il panico sui mercati, sostenendo che stavamo per fallire.

Un fatto gravissimo, che lo stesso Tria è stato indotto chissà come a ritrattare, e che su molti giornali è stato quasi nascosto in fondo alle pagine interne. Certo, c’erano cose molto più importanti da far conoscere ai lettori, se possiamo considerare importanti le vicende sentimentali e di rapporti nel M5S della deputata Giulia Sarti, colpevole di non aver restituito una parte di quello stipendio che tutti i parlamentari di tutti i partiti non si sognano di privarsi.

Mentre le colonne del nostro giornalismo investigativo si scatenavano nella fondamentale ricerca degli sms tra la stessa Sarti e il riferimento per la comunicazione dei 5S, Rocco Casalino, ecco riesplodere il dibattito sul Tav, con il senatore piemontese Alberto Airola – sempre dei Cinque Stelle, ça va sans dire – che minaccia di lasciare il Movimento e portarsi via il simbolo in caso di via libera alla linea ferroviaria prevista in Val di Susa.

Ora è chiaro a tutti che questa battaglia ambientalista è fondamentale nella storia della forza politica fondata da Grillo e Casaleggio, dunque è più che normale sentire alzarsi i toni, ma il simbolo dei pentastellati sicuramente non è di Airola. La boutade meritava quindi poche righe nelle cronache politiche, se non fosse che enfatizzandola gettava un’ombra sulla compattezza dei Cinque Stelle, peraltro continuamente descritti come sul punto di dividersi.

Così Airola è finito nientepopodimeno che in apertura del sito di Repubblica, alimentano un giochino che vuole rappresentare gli eletti del Movimento come dilettanti, svitati e sull’orlo della scissione. Formalmente non si è scritta nessuna fake news, ma nella comunicazione non sempre serve mentire per convincerci tutti che pure gli asini volano.

Gli ultimi editoriali

Segnali di saggezza da Marte

Dopo aver assistito inerme alla lapidazione quotidiana dei Cinque Stelle sul 98% dei giornali e telegiornali dello Stivale, ieri Beppe Grillo ha svelato ai suoi

Continua »