L'Editoriale

Opposizione senza buonsenso

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Da stamattina l’Italia ha un tricolore diverso da quello che ci unisce sotto un’unica bandiera. Al contrario giallo, arancione e rosso ci dividono a seconda di dove è maggiore o minore il rischio pandemia. Una soluzione inevitabile per provare a scongiurare un nuovo lockdown generale, che non ci possiamo permettere e che al momento non è necessario se guardiamo, prima della mappa dei contagi, la pressione su ospedali e terapie intensive.

Questi nuovi sacrifici non è detto però che bastino, e a vedere come vanno le cose nel resto d’Europa, dove ogni giorno registriamo un nuovo record di positivi, non c’è molto da essere ottimisti. Tuttavia ci stiamo provando, e se esiste una possibilità di farcela questa passa dal buonsenso di tutti, dai singoli cittadini a chi fa opinione e chi ci rappresenta nei palazzi della politica: dal Governo alle autonomie locali e le Regioni. Un buonsenso che non sempre prevale.

Ieri su un treno da Roma e poi sul metrò di Milano ho visto il numero dei passeggeri dimezzato e il personale che invece lavorava il doppio, con impegno e dedizione per rassicurare le persone, igienizzare e controllare. Un esempio perfetto di quello che adesso la politica dovrebbe fare: smetterla con il litigare su tutto e collaborare per rasserenare gli animi, votare velocemente e tutti insieme i provvedimenti in Parlamento e fare arrivare prima possibile gli aiuti economici a famiglie e imprese.

In un Paese normale questo sarebbe il minimo sindacale, ma nella realtà lacerata che viviamo, con opposizioni incapaci di collaborare, se non a chiacchiere, e le Regioni che hanno confuso l’autonomia con l’anarchia, lo scenario è sconfortante. E anche miope, perché non è detto che protestando su ogni decisione, e facendo crescere l’inquietudine e l’allarme sociale, le persone poi scelgano chi grida tutto il giorno al lupo e non chi si sta rimboccando le maniche per affrontare l’emergenza e tirarcene fuori prima possibile.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile (leggi l’editoriale di ieri). Oggi

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA