L'Editoriale

Paghiamo Fazio per sloggiare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Fabio Fazio ha tutto il diritto di difendere il suo sontuoso stipendio, ma per favore ci risparmi le storielle della povera vittima (con 2 milioni di stipendio l’anno!), della Rai che non lo vuole e delle norme del Cda ad personam contro di lui. Per effetto del Covid la pubblicità con cui si regge la tv pubblica (insieme al canone) è crollata e Viale Mazzini sta cercando giustamente di fare economia. D’altra parte Fazio non è l’unico in Italia col contratto vicino alla scadenza (manca un anno) proprio mentre le aziende devono stare attente ai costi più che mai. E se pensa che qualcuno si beva la storia di altre reti disposte a pagarlo meglio, è meglio che eviti di cimentarsi al tavolo del poker.

La fortuna in fin dei conti gli è stata già tanto benigna, e visto che sta in tv solo da 35 anni, per una volta potrebbe fare a se stesso una domanda, magari con lo stesso sorrisino compiacente che riserva ai suoi più o meno blasonati ospiti: ma dov’è scritto che la tv pubblica deve restare imbalsamata in eterno, sempre uguale a se stessa, affettata come le domande di Bruno Vespa o scontata come le scalette dei telegiornali? A un quotidiano come La Notizia, che senza un soldo pubblico ed editori milionari è arrivato all’ottavo anno di pubblicazioni, cioè un caso in un Paese dove negli stessi anni le testate hanno chiuso a grappoli, mai e poi mai Fazio o Vespa o gli altri mammasantissima della tv di Stato hanno dedicato uno sguardo. Eppure tanti lettori ci seguono e ci apprezzano, e spesso i nostri articoli sono tra i più commentati sui social network.

Al contrario, neppure è nato e qualche giorno fa il nome del nuovo giornale di De Benedetti campeggiava già a Porta a Porta. Uno spot perfetto al Paese che non cambia, che anche dietro la facciata nuova ha in manovra i padroni di sempre. E proprio i Fazio e i Vespa, con i loro intoccabili privilegi, sono la certificazione di questo immobilismo. Perciò la Rai farebbe bene a dargli i milioni che chiedono, ma non per tenerli in video, ma per mandarli a casa, non potendo fare lo stesso col sistema di potere che questi signori rappresentano e da cui in tanti decenni sono stati ampiamente protetti.

Gli ultimi editoriali