L'Editoriale

Partito zoppo il presidente è già scivolato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

L’inchiesta è piena di parti oscure. Di presunte vittime che diventano sicuri complici, di favori incriminati che però non ci sono mai stati, di reticenze. Il minimo sindacale di garantismo – merce rara in questo Paese – imporrebbe perciò di attendere le conclusioni della magistratura. Nella vicenda De Luca c’è però anche dell’altro: il peccato originale di una candidatura azzoppata dai vincoli della Legge Severino e ciò nonostante avallata dal Pd di Renzi, consapevole di avventurarsi in un campo di battaglia. Che se lo meriti o no, su questo campo il governatore si è preso una bella schioppettata e ora dal suo stesso partito non si vedono arrivare rinforzi e barellieri. Come avvenuto a Roma, il rapporto politico non c’è più. E Marino caduto sulla buccia di banana di qualche cena messa in conto al Campidoglio è la controfigura di un presidente di Regione forse altrettanto capace di giustificarsi, ma indipendentemente da ciò ormai isolato e perciò non più in grado di governare. In democrazia il consenso è tutto, ma se questo consenso è arrivato grazie a chi successivamente lo rivuole indietro, far finta di nulla non è democratico. È ipocrita.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA