Passerelle di moda nelle Destre. Zaia parla di coprifuoco mentre Salvini va a spasso per Roma

di Gaetano Pedullà

Niente da fare. Per il vaccino contro la scelleratezza di certi nostri politici e dei loro trombettieri non c’è speranza. Anche mentre il momento è drammatico, il conto delle vittime cresce, il Paese è asserragliato in casa e chi ha un lavoro trema quanto chi ha fatto una vita di sacrifici per costruirsi un’attività e ora rischia di chiudere bottega. Tutti a parole dicono di non voler fare polemiche e passerelle, ma da quando è iniziato l’incubo del Coronavirus è una gara a chi la spara più grossa. Il Governo chiude per i primo in Europa i voli con la Cina? Ha sbagliato, secondo alcuni perché doveva farlo prima e secondo altri perché doveva farlo dopo.

Palazzo Chigi segue l’evolversi dell’epidemia e su consiglio di affermati virologi e dell’Istituto superiore di sanità delimita alcune zone rosse, lasciando aperte le imprese che stanno altrove? Sbagliatissimo: bisognava riaprire tutto. Poi il virus accelera e allora dagli con le accuse: si doveva sigillare tutto, tipo blocco navale che all’occorrenza si può riciclare con gli immigrati. E così per la chiusura delle scuole, il decreto che ci ha messi tutti in quarantena e adesso la manovra da 25 miliardi più 350 di garanzie per le imprese.

Su questo almeno Salvini è coerente: sin dal primo giorno farneticava di centinaia di miliardi da tirar fuori da chissà quale cilindro, visto che dal suo di cappello non riesce a farci uscire neppure i 49 milioni che il suo partito si è intascato illecitamente. Gli italiani però osservano, e per quanto irretiti dal Capitano, Meloni & C. straripanti su tutte le tv, non perdonano chi specula sulla malattia, e anzi apprezzano chi lavora sodo e comunica con sobrietà, a cominciare dal premier Conte, che infatti si consolida in cima ai leader più graditi. Allora la Destra manda avanti i governatori, prototipi della buona amministrazione del Nord, che però combinano un disastro al giorno, una volta il presidente della Lombardia, Fontana, facendo un filmato da day after con la mascherina, un’altra il collega del Veneto, Zaia, sparando che i cinesi mangiano i topi vivi.

Fontana ovviamente non ci sta a perdere la palma di chi la spara più grossa e allora eccolo affermare impavido che “a Roma non capiscono” cosa accade nella sua regione, e sempre per creare il “necessario” clima di collaborazione, dopo aver fatto qualunque cosa di testa sua, compresa la chiusura di esercizi e università, nomina commissario Bertolaso, lo stesso che il Governo ha ritenuto di non ingaggiare visto il non irrilevante danno erariale lasciato dall’Abruzzo alla Maddalena nella sua precedente esperienza di capo della Protezione civile. Anche stavolta però Zaia non vuole perdere, e alza nuovamente l’asticella, chiedendo il coprifuoco per chi esce da casa, così casomai il meschino sgattaiolato senza permesso non muoia di Coronavirus provvederà una pallottola padana.

In questo concerto di sparate, faticano a sentirsi Cirio (non c’entra con i pelati) e Toti, presidenti delle Regioni Piemonte e Liguria. Quest’ultimo l’altra sera ha telefonato in diretta durante la trasmissione Stasera Italia, su Rete4, manco fosse il suo ex boss che irrompeva nelle trasmissioni di Floris e Santoro, per definire una “minchiata” l’invito del sottoscritto a ripensare – quando l’emergenza sanitaria sarà finita – il nostro regionalismo, che aumenta la quantità di burocrazia da cui deriva la difficoltà ad affrontare situazioni complesse come una pandemia, oltre a uno sperpero di risorse che è sotto gli occhi di tutti. Per Toti invece sono le Regioni che risolvono i problemi, perché a Roma c’è solo un manipolo di incompetenti, e per dimostrarlo rivela di aver telefonato tutto il pomeriggio non si sa a chi per recuperare le mascherine che servono negli ospedali.

Ora ovviamente nessuno crederà che sia stato Toti a fare intervenire poche ore prima personalmente la Merkel per sbloccare la consegna di mascherine e altri presidi medici, e non invece la Farnesina che aveva premuto formalmente tutto il giorno sui capi di governo di mezzo mondo. Ma un presidente di Regione in crisi di astinenza da riflettori può anche raccontarla così, soprattutto se chi può sbugiardarlo non ha possibilità di replica, e convincere qualche supporter di bocca buona che in questo momento ci sia qualcuno tra i grandi produttori di mascherine che si fili un presidente di Regione.

L’EQUIVOCO. In questa caccia alla polemica e alla passerella ad ogni costo, per una volta Salvini avrebbe voluto restare fuori facendosi una bella passeggiata per Roma, con accanto la fidanzata e dietro la scorta. Bella idea visto che il clima nella Capitale è quasi primaverile, se non fosse che tutti gli altri italiani se ne devono stare chiusi tra quattro mura, e chi non ce la fa più sta subaffittando i cani dei vicini, portati avanti e indietro manco fossero incontinenti. Per giustificarsi, il leader della Lega ha precisato che era andato a fare la spesa, ma anche stavolta la pezza è venuta peggio del buco, perché nella zona in cui è stato fotografato non ci sono supermercati ed alimentari. Ma volete vedere che in fondo in fondo aveva ragione Fontana, quando diceva che a Roma non capiscono? Che fessi noi ad aver pensato si riferisse al Governo o ai romani che stanno in grandissima parte ubbidendo pazientemente alle disposizioni sanitarie di restare in casa, mentre invece si riferiva al capo della Lega, che se ne va a passeggio in barba ad ogni disposizione mentre in tutto il Paese c’è chi muore.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Patrimoniale. Non vale la candela

Non c’era bisogno del Covid per vedere nella società italiana divisioni profonde, ma a leggere l’ultimo rapporto Censis, la pandemia ha fatto precipitare la situazione. I garantiti con lo stipendio fisso, possibilmente pubblico, e i pensionati, stanno molto meglio di Partite Iva e precari, magari in altri tempi pure benestanti grazie al lavoro nero. L’incertezza…

Continua

Un Dpcm che cerca l’equilibrio

Nel giorno in cui arriviamo a un passo dai mille morti per Covid arriva un Dpcm di Natale che bilancia lo spirito religioso della festa, con il desiderio delle famiglie di ricongiungersi, e la necessità di tenere alta la guardia contro la pandemia. Per chi continua a straparlare di mancanza di ragionevolezza, di dittatura sanitaria…

Continua

Regaliamo il buonsenso a Natale

Oggi il ministro Speranza ci dirà come e quando saranno distribuiti i vaccini: duecento milioni di dosi, per cominciare, che potrebbero non bastare se le Regioni torneranno a chiedere subito di riaprire tutto, comprese le piste da sci, i virologi ci convinceranno che il virus morto ad agosto e resuscitato a settembre stavolta è schiattato…

Continua

Casaleggio e le lobby senza freni

Doveva far cascare il mondo e invece lo scoop del secolo, anzi del millennio, è stato già derubricato al capitolo bufale. Un po’ troppo facile, anche in un Paese che ha meno memoria di un pesce rosso, e che ormai convive allegramente con i conflitti d’interessi, senza eccezione per l’informazione. Il presunto scandalo è quello…

Continua

Favori all’industria del fumo. L’ultima balla per colpire i 5 Stelle

Chi si ricorda dello “scoop” di un giornaletto scandalistico spagnolo sui miliardi regalati ai 5 Stelle dal governo del Venezuela? Era una tale balla che se n’è già persa la memoria. Eppure per giorni tenne banco nel dibattito politico, perché questo genere letterario affascina il sistema dell’informazione, disposto a bersi tutto pur di dimostrare che…

Continua

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua