Peggio del virus. La Bce non vede l’emergenza

di Gaetano Pedullà

Se pensate che le pandemie producano danni incalcolabili, non avete fatto i conti con l’ottusità. A ricordarcene è stata ieri la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, chiamata alla sua prima uscita davvero significativa, in piena emergenza Coronavirus. Mentre spiegava con argomenti burocratici che la situazione non è poi così grave da aiutare le imprese tagliando i tassi, sugli stessi schermi della diretta tv passavano gli indici di tutte le Borse rovinosamente in picchiata. Centinaia di miliardi di capitalizzazione bruciati mentre l’unico parafulmine che abbiamo si rifiuta di fare le stesse cose appena viste in Inghilterra e Stati Uniti, dove si è già intervenuti riducendo il costo del denaro.

Chissà che altro debba accadere oltre ad avere l’Italia bloccata e mezza Europa disinvoltamente destinata a un imminente esplosione dei contagi e delle vittime, che sicuramente ci saranno anche se si dispone di grandi quantità di ospedali e terapie intensive. Così siamo tornati indietro di cinque anni, a quando la stessa Lagarde guidava il Fondo monetario internazionale, componente insieme a Commissione Ue e Bce di quella Troika che ha spezzato le reni alla Grecia. Portata a un passo dal fallimento, Atene fu costretta a svendere i gioielli pubblici della sua economia, e seppure sta cominciando a riprendersi, migliaia di persone continuano a vivere in condizioni di miseria indegne di quella casa comune che chiamiamo Unione europea.

E dire che quella stagione ci aveva insegnato tanto. I populismi e i sovranismi avevano minacciato le grandi famiglie politiche – popolari e socialisti – e la maggioranza raccolta nel Parlamento di Strasburgo dalla presidente della Commissione von der Leyen si regge sulla promessa di un profondo cambio di passo rispetto alle fallimentari politiche dell’austerità imposte per anni. Il commissario agli Affari economici Paolo Gentiloni è il garante di questo orientamento, e il Movimento Cinque Stelle ha dato una fiducia che però resta sub condizione. La Bce è invece autonoma dalla politica, ma la guida del board (dove siedono i governatori delle banche centrali nazionali) è passata da un accordo tra i capi di Governo che sembravano aver capito la lezione dei gilet gialli a Parigi o dell’avanzata dei Verdi a Berlino, per non parlare del fiato sul collo delle Destre, da Salvini alla Le Pen.

Per questo dall’istituto di Francoforte ci si attende una linea coerente con le nuove politiche espansive promesse per adesso solo a parole. Certo, i 25 miliardi di flessibilità sul deficit concessi all’Italia per i danni della pandemia non sono poca cosa, ma se consideriamo che gli aiuti diretti per tutti i Paesi Ue sono appena 25 miliardi, è chiaro che a Bruxelles e dintorni non si è capita la portata del disastro economico che incombe. E se a questo torniamo ad affiancare una politica miope della Banca centrale, uguale a quella applicata fino al bazooka monetario imbracciato da Draghi, allora prepariamoci a dover dare ragione agli euroscettici, a chi non ha mai creduto nella capacità delle istituzioni europee di trovare un’anima e di guidare i Paesi verso un nuovo benessere.

A questo non ha mai creduto la Gran Bretagna, che infatti è scappata, e se non ci saranno fatti concreti in tutte le sue emanazioni – e quindi anche da parte della Bce – presto dal’Ue non scapperanno i singoli Stati (che sono incatenati dalla moneta), ma gli europei. Perché la risposta a una tragedia epocale come il Coronavirus non può essere quella delle singole nazioni, esattamente come per il dramma dell’immigrazione. Attendiamo allora di capire cosa vuol dire in concreto “essere tutti italiani” come detto dalla von der Leyen. Avvertendo che la stagione delle illusioni è finita. Ieri questo Paese ha superato i mille morti per il virus. Persone che così hanno pagato anche i tagli imposti da decenni alla sanità. Parallelamente, la folle scelta di non tagliare i tassi presa dalla Banca centrale europea ha dato un’altra mazzata anche al nostro mercato azionario e allo spread, assestandoci una batosta dalla quale chissà quando ci riprenderemo.

Palazzo Chigi ha risposto posticipando il pagamento delle tasse per le piccole imprese, ma questo può essere giusto un placebo. Se il contagio continuerà ad avanzare con la progressione attuale, il Prodotto interno scenderà ben più verticalmente di quanto non prevedano oggi le agenzie di rating. E questo significherà altre crisi aziendali, povertà, milioni di persone in ginocchio. Ora perciò l’Europa venga fuori con una voce sola e con forza. Oppure taccia, sapendo però che se sarà così, presto o tardi tacerà per sempre.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Patrimoniale. Non vale la candela

Non c’era bisogno del Covid per vedere nella società italiana divisioni profonde, ma a leggere l’ultimo rapporto Censis, la pandemia ha fatto precipitare la situazione. I garantiti con lo stipendio fisso, possibilmente pubblico, e i pensionati, stanno molto meglio di Partite Iva e precari, magari in altri tempi pure benestanti grazie al lavoro nero. L’incertezza…

Continua

Un Dpcm che cerca l’equilibrio

Nel giorno in cui arriviamo a un passo dai mille morti per Covid arriva un Dpcm di Natale che bilancia lo spirito religioso della festa, con il desiderio delle famiglie di ricongiungersi, e la necessità di tenere alta la guardia contro la pandemia. Per chi continua a straparlare di mancanza di ragionevolezza, di dittatura sanitaria…

Continua

Regaliamo il buonsenso a Natale

Oggi il ministro Speranza ci dirà come e quando saranno distribuiti i vaccini: duecento milioni di dosi, per cominciare, che potrebbero non bastare se le Regioni torneranno a chiedere subito di riaprire tutto, comprese le piste da sci, i virologi ci convinceranno che il virus morto ad agosto e resuscitato a settembre stavolta è schiattato…

Continua

Casaleggio e le lobby senza freni

Doveva far cascare il mondo e invece lo scoop del secolo, anzi del millennio, è stato già derubricato al capitolo bufale. Un po’ troppo facile, anche in un Paese che ha meno memoria di un pesce rosso, e che ormai convive allegramente con i conflitti d’interessi, senza eccezione per l’informazione. Il presunto scandalo è quello…

Continua

Favori all’industria del fumo. L’ultima balla per colpire i 5 Stelle

Chi si ricorda dello “scoop” di un giornaletto scandalistico spagnolo sui miliardi regalati ai 5 Stelle dal governo del Venezuela? Era una tale balla che se n’è già persa la memoria. Eppure per giorni tenne banco nel dibattito politico, perché questo genere letterario affascina il sistema dell’informazione, disposto a bersi tutto pur di dimostrare che…

Continua

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua