L'Editoriale

Per la salute nessuno fa sciopero

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Possiamo prendercela con la malasanità o la sfortuna, ma la  morte di una ragazzina lasciata per ore in un ospedale romano senza la giusta assistenza ha poco a che fare con l’una e con l’altra. Certo, i medici possono sbagliare come sbaglia chiunque, ma se si lavora in condizioni di perenne emergenza l’errore da possibile diventa matematicamente sicuro. Un epilogo che terrorizza ogni familiare di un paziente adagiato in corsia, alimentando una pressione che nelle strutture pubbliche è considerata ormai fisiologica. La politica e i manager della sanità hanno fatto il loro lavoro tagliando costi e posti letto. In molte regioni si sono chiusi reparti e interi ospedali, riducendo i servizi sotto una soglia dignitosa. C’era alternativa? Non molta perché in passato si è rubato l’impensabile e le risorse messe a disposizione sono quelle che sono. Facendo così però si è accettato che certe morti non accadano per pura casualità. E visto l’andazzo c’è da immaginare un futuro persino peggiore. Una prospettiva davanti alla quale possiamo indignarci o continuare a far finta di niente, lasciando il problema a chi combatte con gli ospedali. Se la spesa pubblica ha delle priorità è il momento di pretendere che la sanità torni in testa, chiedendo alla politica l’impegno ad imporre i sacrifici da un’altra parte. E indignarci se questo non avviene, anche scendendo in piazza, ma non come adesso fa comodo alla Cgil per protestare contro il Governo, ma per difendere quel diritto alla salute che persino i sindacati non hanno più in cima alle loro priorità.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA