L'Editoriale

Quanto conta il partito di Mattarella

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Che le scaramucce tra Salvini e Di Maio siano roba seria o – come ipotizzano menti raffinate – una presa per il naso degli elettori in quanto i due leader hanno già l’accordo in tasca, l’unica cosa certa a più di un mese dalle elezioni è che non c’è pericolo di fare presto il bis. Per quanto ostentino sicurezza, persino Lega e Cinque Stelle non affronterebbero a cuor leggero una nuova tornata elettorale troppo ravvicinata, malgrado i sondaggi garantiscano che queste due forze sarebbero avvantaggiate da una polarizzazione del voto, a svantaggio rispettivamente di Forza Italia e Pd. A scanso di equivoci proprio tra i dem sta prendendo forza l’opposizione a Renzi, disposta a fare accordi tanto col Centrodestra che con i grillini pur di non restare esclusi da tutto e magari involontariamente causare proprio lo scenario peggiore di una fine pressoché istantanea della legislatura. Un’ipotesi vista come fumo negli occhi pure tra altri schieramenti, a cominciare dal partito del Cavaliere e Liberi e Uguali. Mentre quest’ultimo rischia di non rivedere il quorum e quindi Parlamento, Forza Italia invece dovrebbe già fare i conti con l’emorragia di propri esponenti ed elettori in direzione del Carroccio. Dunque, mentre si cercano compromessi che prima delle elezioni tutti i partiti avevano escluso, nei fatti una maggioranza – che per capirci possiamo definire di Mattarella – c’è già. Non servirà al momento a nominare un premier, ma se i leader non faranno l’intesa sarà la base per un Esecutivo tecnico con cui tirare a campare, almeno per un po’.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »