L'Editoriale

Questa Ue ci tratta da sudditi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Secoli di guerre, di sogni e grandi ideali per affrancarci dal despotismo del monarca di turno si frantumeranno domani davanti a un nuovo Sire che si chiama Europa. Come un Re che a suo insindacabile giudizio concede o nega il suo favore, questa Europa dovrà dire ai greci se possono o no avere più tempo per fare le loro riforme. L’idea di un continente solidale e unito (si chiama Unione europea, no?) è finita per trasformarsi in un moderno Nerone che indica col pollice su o giù il destino di un gladiatore. Indifferente alla richiesta di un’intera nazione e per anni sorda alle sofferenze di milioni di suoi cittadini, questo despota ha imposto le più fallimentari politiche del rigore e lasciato sul lastrico famiglie e imprese. In cambio di cosa? Di una moneta comune che doveva difenderci e ha finito per diventare la nostra prima nemica. Di una solidarietà che lascia morire di freddo i migranti. Di una equità che ha portato Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Grecia e molti altri al record storico di disoccupazione mentre Germania e i Paesi del Nord sono alla piena occupazione. Ci sarà perciò poco da stupirsi se a una monarchia così prima o poi faranno saltare la testa.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA