L'Editoriale

Referendum, Financial Times & co., il ricatto dei potentoni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La batosta presa negli Stati Uniti non è bastata ai potentoni della finanza mondiale. Incuranti di portare sfiga (elettoralmente parlando) alle cause che appoggiano, stanno riprovando a orientare il referendum in Italia spingendo il Sì a più non posso. Le avvisaglie si erano viste già da mesi, con una sfilza di dichiarazioni di banchieri, industriali e grandi lobby. Venerdì scorso ci aveva messo il sigillo la Banca d’Italia, istituzione che nonostante sia stata svuotata di poteri dalla Bce e di fatto ridotta a un costosissimo centro studi, ha terrorizzato chi vuole votare No, annunciando in caso di vittoria forti turbolenze sui mercati.

Se tutto questo non bastasse, dal britannico Financial Times agli americani Bloomberg e Wall Street Journal, la grande stampa economica ha disegnato scenari apocalittici, con l’Italia buttata fuori dall’euro e un terremoto sulle nostre imprese. Se a qualcuno fosse sfuggito, nell’ultima corsa alla Casa Bianca abbiamo avuto 400 quotidiani e tutte le syndication Tv schierate con la Clinton e solo 9 giornali con Trump. Abbiamo visto com’è andata a finire. In questa era della comunicazione alle urne non si vince ricattando gli elettori.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA