L'Editoriale

Regoliamo i giganti del web

Jeff Bezos
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

È l’edizione 2.0 di Davide contro Golia. Il nostro Garante della concorrenza da una parte e i giganti di Internet e del commercio elettronico dall’altra. Colossi che fatturano quanto interi Stati sovrani, e dettano legge in tutto il mondo, al punto da pagare le tasse che decidono loro, se gli va di farlo, e comunque senza che questo interrompa i guadagni miliardari dei Paperoni che controllano tutto, diventati così sfacciatamente ricchi da prenderci pure in giro con le periodiche manifestazioni di disponibilità a versare più imposte, come se non fossero loro stessi ad ordinare quel fuoco di sbarramento che parte ogni qualvolta gli si chieda di pagare.

Ne sa qualcosa la Commissione europea, che ha raggiunto un accordo definito “storico” per fargli versare il 15% dei guadagni. Roba da fare giustamente schiattare di rabbia i piccoli artigiani o i professionisti, che a fine anno di riffa o di raffa lasciano all’Erario fino al 70% dei ricavi. Da qualche tempo, però, l’Antitrust italiana si è scrollata di dosso il tradizionale timore reverenziale per i giganti dell’Information technology e gli sta chiedendo conto di ogni cosa, sanzionando i frequenti abusi di posizione dominante.

L’ultimo salasso è di ieri – un miliardo ad Amazon (leggi l’articolo) – ma nelle scorse settimane era stato il turno di Apple, Google e ancora Amazon. Tutti – a loro dire – immacolati come gigli di campo e rispettosi di ogni regola, a partire dal non spremere fino all’osso dipendenti e fornitori. Eppure tutti faticano ad arrivare a fine mese, mentre questi non sanno più dove mettere i soldi.

Per capirci: solo Facebook, Apple, Amazon, Microsoft e Google nel 2020 hanno portato a casa oltre mille miliardi di dollari, il 5% dell’intero Pil americano. Dunque, o siamo tutti fessi tranne loro, oppure stanno abusando dei mercati che sicuramente hanno inventato, ma che non possono restare senza regole speculari a quelle dell’economia tradizionale, o peggio, con regole confezionate su misura di Lor signori per farli strafogare.

Gli ultimi editoriali

Così sono todos caballeros

Guarda a volte le coincidenze: mentre i Cinque Stelle affondano la candidatura di Silvio Berlusconi al Quirinale perché condannato e coinvolto in una sfilza di

Continua »