L'Editoriale

Riforme, non gettarle in caciara

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Il Governo del cambiamento andrebbe ribattezzato del rimbecillimento se si sognasse di riformare il Paese senza dare una priorità alle cose necessarie. Un concetto chiaro a Di Maio e Salvini, che infatti nei primi due mesi da ministri hanno messo in cascina il Decreto dignità e il cambio di strategia sui migranti. Parallelamente però ci sono altri ministri che non ce la fanno a rinunciare alla ribalta, e ogni giorno sembrano lavorare per far scoppiare una polemica, in molti casi innescando polveroni di cui non si sente il bisogno. L’ultima sortit del ministro Fontana, pur partendo da motivazioni storiche dalla Lega, butta nel dibattito politico una riforma della legge Mancino (contrasto all’incitazione antirazziale e fascista) che non c’è nel contratto di Governo. Una mossa che ha costretto dal premier Conte in giù a dissociarsi, mentre dalla Sinistra alla stampa di complemento è statogioco facile approfittarne per definire la maggioranza sempre più “nera”. Un autogol mentre il ministro Tria inizia a spingere Flat tax e Reddito di cittadinanza tra le urgenze. Obiettivi da cui ora è un errore fatale distrasi.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA