L'Editoriale

Scambiamoci un segno di Pace

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Cosa serve disperatamente a questo Paese? Le riforme. E perché in decenni non le abbiamo fatte? Perché la politica italiana è stata totalmente impegnata nella guerra tra fascisti e antifascisti e poi tra cattolici e comunisti. Caduto il muro di Berlino e resa possibile quell’alternanza di governo che la guerra fredda non consentiva, è stata la volta del referendum infinito su Berlusconi. Nello scontro permanente effettivo tra destra e sinistra non c’era tempo per cambiare il Paese. E così abbiamo perso treni importanti, abbiamo rinviato le riforme del mercato del lavoro e in generale di tutta la macchia amministrativa. Ora, da un’elezione fortemente divisiva, come quella imposta da Renzi a parte del Centrodestra, può nascere un’occasione inaspettata: Mattarella può fare infatti quel gesto che Napolitano rifiutò sempre, riabilitando in qualche modo il Cavaliere e mettendo così il punto a una guerra civile mai finita. Un conflitto strisciante dove il sangue di vincitori e vinti ha impedito alla nostra politica di dialogare, costringendola a dividersi su tutto. Dunque Mattarella ha in mano una carta che può fare la storia. Vedremo se avrà anche il coraggio di giocarla.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA