L'Editoriale

Scambiamoci un segno di Pace

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Cosa serve disperatamente a questo Paese? Le riforme. E perché in decenni non le abbiamo fatte? Perché la politica italiana è stata totalmente impegnata nella guerra tra fascisti e antifascisti e poi tra cattolici e comunisti. Caduto il muro di Berlino e resa possibile quell’alternanza di governo che la guerra fredda non consentiva, è stata la volta del referendum infinito su Berlusconi. Nello scontro permanente effettivo tra destra e sinistra non c’era tempo per cambiare il Paese. E così abbiamo perso treni importanti, abbiamo rinviato le riforme del mercato del lavoro e in generale di tutta la macchia amministrativa. Ora, da un’elezione fortemente divisiva, come quella imposta da Renzi a parte del Centrodestra, può nascere un’occasione inaspettata: Mattarella può fare infatti quel gesto che Napolitano rifiutò sempre, riabilitando in qualche modo il Cavaliere e mettendo così il punto a una guerra civile mai finita. Un conflitto strisciante dove il sangue di vincitori e vinti ha impedito alla nostra politica di dialogare, costringendola a dividersi su tutto. Dunque Mattarella ha in mano una carta che può fare la storia. Vedremo se avrà anche il coraggio di giocarla.

Gli ultimi editoriali

Segnali di saggezza da Marte

Dopo aver assistito inerme alla lapidazione quotidiana dei Cinque Stelle sul 98% dei giornali e telegiornali dello Stivale, ieri Beppe Grillo ha svelato ai suoi

Continua »