L'Editoriale

Se battere l’avversario è fregarlo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Basta. Per pietà, basta colpi al cuore del calcio. Dalla Fifa agli stadi di periferia, il gol non è più battere l’avversario ma fregarlo. Partite che sono la rappresentazione di un’epoca, dove l’attaccamento alla maglia è niente rispetto a quello per i soldi. Contanti che girano più veloci del pallone, col tacito accordo di tutti, non solo nel campo delle scommesse clandestine, di quei calciatori e dei loro procuratori (speriamo comunque pochi) corrotti e corruttori. I guai del calcio partono infatti dal lato più illuminato della scena: le società che tollerano silenziosamente l’abitudine dei loro calciatori a scommettere (nessuno che si accorga mai di niente!), l’industria legale del gioco che non guarda in faccia chi punta cifre stratosferiche, tutto quel sottobosco di sensali, procuratori e faccendieri che campa a provvigioni su ogni genere di affari. Soldi, soldi, soldi che fanno vivere come pascià chi ha talento e chi non ne ha. Facendo un danno gravissimo. Se i calciatori sono strapagati dalla pubblicità per spingere i tifosi ad emularli, la stessa emulazione può scattare gratis nel vederli barare per vincere una partita o una scommessa. I loro gol, i nostri autogol.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA