Solo la stampa nemica dei 5S non sbaglia. Turchi e russi alimentano la crisi in Libia, ma si spara a senso unico su Di Maio

di Gaetano Pedullà

Voce di popolo – si dice – voce di Dio. Ma seppure quasi tutti i giornali sparino a senso unico sul ruolo marginale dell’Italia e del ministro Luigi Di Maio nella crisi libica, qui si capisce perché il suddetto popolo alla stampa crede pochissimo, e a buona ragione. Lasciamo perdere perciò quelle che sono libere opinioni piuttosto che notizie (Di Maio, gli Esteri non sono il suo mestiere, Lucia Annunziata; La tragedia di un ministro ridicolo, Dagospia; Governo raccapricciante: più che agli Esteri Di Maio lo avrei mandato all’estero, Vittorio Feltri; ecc. ecc.) e vediamo quanti generali e capi di Stato nel bel mezzo di una guerra lasciano le loro truppe per andare a Palazzo Chigi, come ha fatto ieri Haftar e come fino all’ultimo era in programma che facesse il suo nemico Al Sarraj.

Mentre la Germania della quale si cantano solo lodi per l’influenza e la capacità di chi la governa non riesce neppure a fissare la data della conferenza di pace prevista a Berlino, l’incapace Governo di Roma era riuscito persino a far stringere la mano ai grandi contendenti al vertice di Palermo. Un successo clamoroso che ha contribuito a tenere il conflitto attorno a Tripoli per oltre un anno a bassa intensità, prima che la situazione degenerasse per un’evidentissima novità. Quel fesso di Di Maio, come ormai viene definito da tutto il mainstream senza un briciolo di onestà intellettuale, si è rifiutato di dare al nostro alleato Al Sarraj le armi che chiedeva, per il semplice motivo che quel manualetto chiamato Costituzione vieta al nostro Paese di fomentare le guerre.

Così al nostro posto si è offerto di mandare truppe e mezzi il sultano turco Erdogan, inserendosi in una partita di spartizione egemonica su quell’area che lo vede apparentato con Putin, altro leader con gli stessi problemi di consenso democratico in casa propria e perciò determinato a blindare il proprio potere in patria usando la leva del nazionalismo. Nulla di diverso da quanto sta facendo Trump, anche lui alle prese con le difficili elezioni presidenziali e ancor di più con l’impeachment. Due ottimi motivi, insomma, per tirare un missile sul leader iraniano Soleimani, con una spregiudicatezza che avrebbe già fatto scoppiare una tempesta militare se a parti invertite lo stesso trattamento fosse stato riservato a un componente dell’Esecutivo americano.

In tutto questo caos, l’Italia sta tenendo quasi da sola le redini della diplomazia, spingendo un’Europa afona e inesistente come entità politica unitaria, mentre i singoli Paesi attendono gli eventi per farsi come meglio possono gli affari loro, a cominciare dalla Francia che proprio sullo scacchiere libico ha responsabilità storiche, assetata dell’energia che da sempre prova a sottrarre agli accordi commerciali con l’Italia. Ora, da tutti questi egregi commentatori che massacrano allegramente Conte e Di Maio sarebbe interessante sapere cosa dovrebbero fare di diverso i nostri premier e ministro degli Esteri, tipo mandare le truppe in una nuova guerra coloniale di cui si farnetica a Destra? Oppure spedire nuovi e più calorosi tweet di congratulazioni a Trump per aver portato il mondo sull’orlo di una guerra mondiale, solo perché siamo leali alleati nella Nato e qualcuno dei giornalisti più genio degli altri ci racconta favole tipo quella dell’Iran che ha già perdonato Washington?

Una ricostruzione, quest’ultima, tutta da dimostrare mentre volano le bombe sulle basi Usa e i militari italiani non si capisce a che titolo restano in un Paese sovrano che ci ha chiesto di andarcene. Ma per i nostri sovranisti alle vongole l’autodeterminazione dei popoli è un concetto che va bene a fasi alterne e soprattutto a patto di non disturbare il manovratore americano, non sia mai che col rumore dei bombardamenti gli sia sfuggito il cinguettio ruffianeggiante di Salvini.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua