L'Editoriale

Sulla giustizia c’è poco da festeggiare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

E ora tutti a ringraziare la magistratura. O a giurare di non averne mai dubitato. La Cassazione che ha rimesso politicamente in campo il Cavaliere ha cancellato anche agli occhi del centrodestra cinque anni di un processo sbagliato. Ma la decisione della Suprema Corte non è una vittoria della giustizia. Un Paese che può mettere in croce per anni un cittadino – sia questo il premier o un qualunque disgraziato – ha davvero poco da festeggiare. Se poi pensiamo al caso grottesco, all’innegabile accanimento, alle enormi spese che lo Stato ha sostenuto mentre altri procedimenti restavano fermi, allora è tutto il caso Ruby a dimostraci che in Italia c’è un problema giustizia, e di questo sistema siamo purtroppo costretti a dubitare. Il Presidente Mattarella rivolgendosi alle giovani toghe ha chiesto di interpretare correttamente il ruolo che lo Stato gli assegna: né protagonisti, né burocrati. Se vale per i giovani deve valere di più per gli anziani, dove però sul caso specifico Ruby nessuno ha fatto fin ora un passo indietro o a chiesto scusa. Il giorno che sarà introdotta la responsabilità civile per i giudici, gli interessati sapranno chi ringraziare.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA