L'Editoriale

I tagliagole e l’illusione diplomatica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Come al solito adesso aspettiamo chi ci tolga le castagne dal fuoco. Col califfato islamico a due passi dall’Italia, ormai è chiaro che il conflitto di civiltà è un’ipotesi sempre più possibile. Come ci prepariamo a un tale drammatico scenario? I governi che resistono alle milizie – Libia ed Egitto per ultimi – stanno invocando un intervento delle Nazioni Unite. Stati Uniti ed Europa però non ci sentono. Sbarcare in Libia per alzare un muro difensivo in Africa costa caro. E l’Occidente ha poco sangue nelle vene, pochi soldi da spendere e troppo consenso da perdere per imbarcarsi in una moderna crociata. A Bruxelles, dove si girano dall’altra parte per non vedere i barconi con migliaia di migranti che arrivano così facilmente sulle nostre coste, forse pensano che i jihadisti non sappiano nuotare. Ma non creare oggi un avamposto in Africa domani potrebbe costarci carissimo. Così si torna a invocare una soluzione diplomatica (coi tagliagole?) mentre in realtà si spera che Al Sisi, l’uomo forte del Cairo, faccia la guerra per tutti noi. La vecchia mentalità colonialista insomma: si scannassero tra di loro. Una strategia d’Egitto.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA