L'Editoriale

Trappola a orologeria per Grillo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Quando ci sono di mezzo le istituzioni nulla è peggio del piegarle alle convenienze personali, trasformando lo scontro politico in un corto circuito tra pezzi dello Stato. I colpi bassi tra la Commissione antimafia guidata dalla Bindi e il governatore De Luca sono in questo senso da antologia. Esistesse al Quirinale un arbitro che fischia il fallo, non si capisce che stia aspettando ad estrarre quanto meno in cartellino giallo. Istituzioni e regole, in democrazia, sono presidi invalicabili e rispettarle – chiunque ne tenga il timone – è la base dello stesso patto sociale. Perciò la vicenda delle firme false presentate dai Cinque Stelle è gravissima, tanto quanto l’inquietante tempismo con cui è tirata fuori, dopo mesi, proprio a ridosso del referendum. Grillo ha capito subito che storie come queste possono disperdere in poco tempo tutto il patrimonio politico accumulato in anni di battaglie. Il consenso del Movimento non poggia sulla consuetudine elettorale della Dc a trazione cattolica o sulla gestione del potere di Forza Italia e ora del Pd renziano. Il voto d’opinione si sposta in un momento. E se poi qualche manina tira fuori il caso a orologeria, la disfatta è inevitabile.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA