L'Editoriale

Tv pubblica ostaggio del Cavaliere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
A meno che la notte non porti consiglio, stamattina Forza Italia affonderà in Commissione di vigilanza della Rai la designazione del giornalista Marcello Foa alla presidenza di Viale Mazzini. Così si rischia un precedente unico al mondo: il partito di un signore che controlla il maggior gruppo televisivo privato decide pure chi sta in sella a quello pubblico. Roba da Repubblica delle Banane, purtroppo consentita da leggi che sempre lo stesso tycoon della tv ha contribuito a farsi modellare su misura. Berlusconi – si dirà – come leader politico ha diritto di dare rappresentanza alle idee dei suoi elettori. Ma Foa è perfettamente in linea con quell’area politica, ed è stato per anni dipendente del Giornale proprio del Cavaliere. Forza Italia inoltre ha già ottenuto la presidenza della Vigilanza
Rai con un altro ex dipendente Mediaset, Alberto Barachini. Dunque quella di Berlusconi non è una partita ideologica ma solo di potere, mirata a ottenere giusto qualche altro strapuntino in una tv pubblica che la politica
umilia da così tanto tempo da non vergognarsi più di nulla.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA