L’Ue al solito vede nero. E se resta il rigore ci fanno neri sul serio. La Commissione riduce il nostro Pil e prenota una nuova austerità

di Gaetano Pedullà

Solite ricette dall’Europa. Mentre prepara gli scatoloni per sloggiare, ieri la Commissione di Bruxelles è tornata a tagliare le stime sulla crescita (non solo italiana), noncurante degli infiniti errori del passato e – nel nostro caso – di non poterci dare lezioni, in quanto nessun Paese ha fatto crescere l’occupazione più di noi nel primo trimestre dell’anno. Ovviamente questo ed altri dati economici più aggiornati non sono considerati nelle cosiddette previsioni Ue di primavera, un perfetto connubio di burocrazia e rigore sui conti pubblici. Ma ormai è palese chi abbiamo di fronte, e quanto sia necessaria una risposta politica per sostituire le fallimentari stagioni dell’austerità con una nuova fase di investimenti e di sviluppo.

Al momento però a dare le carte sono ancora loro, Moscovici con Juncker e soci, che per quanto pessimisti nei loro calcoli sono persino generosi a confronto con certi giornalisti iettatori delle testate finanziate da poteri industriali e partiti d’opposizione. Se Repubblica tre giorni fa annunciava a tutta prima pagina che l’Europa è pronta a darci una stangata, e ieri rincarava la dose affidando al sommo menagramo Cottarelli il conto di 93 miliardi di costi aggiuntivi, il Sole 24 Ore fotocopia da mesi l’immancabile grido d’allarme degli industriali, in una sfida a chi porta più sfiga in cui perdono tutti rispetto al Messaggero, il giornale con un editore che scommette bilioni sui futuri utili di grandi società italiane mentre il suo giornale ci racconta che va tutto a rotoli.

Un cataclisma che avrebbe già fatto rincretinire i poveri, tanto da mettersi in più di centomila in fila per restituire il Reddito di cittadinanza. A chi non piace portare il cervello all’ammasso dietro pifferai tanto stonati, non resta allora che provare a ragionare sui numeri. Il Pil italiano, che nelle precedenti previsioni europee per il 2019 e il 2020 era dato a +0,2 e +0,8%, è limato rispettivamente allo 0,1 e allo 0,7%, mentre la crescita della Germania, locomotiva d’Europa, – che tradizionalmente sta almeno un punto avanti a noi – si ferma quest’anno allo 0,5%. Anche la media dell’Eurozona, con tutto il traino dei Paesi dell’Est, scende all’1,2%. Siamo di fronte, insomma, alla dimostrazione più plastica possibile di come i vincoli di bilancio imposti proprio da Bruxelles portano solo crisi e povertà.

Per questo tutte le altre intimidazioni – dalle possibili manovre correttive (cioè nuove tasse) sino alle sanzioni per l’eccesso di deficit – dovrebbero cadere simultaneamente, scatenando in alternativa una sollevazione delle élite economiche nazionali, cioè quegli stessi padroni dei giornali che invece sembrano tifare per chi ci stringe il nodo al collo. Pur di far cadere un Governo che ha tolto un po’ di soldi pubblici ai soliti noti per destinarli alle fasce sociali rimaste più dietro, tutto va bene, compreso quel micidiale aumento dell’Iva che gli euroburocrati intendono imporci. In questo modo il voto del 26 maggio diventa importante come non mai. A confrontarsi sono infatti due concezioni completamente diverse dell’Europa, che vanno dunque ben al di là dei tradizionali steccati tra destra e sinistra.

La rappresentazione più diffusa, almeno in Italia, è quella del derby tra sovranisti ed europeisti, che si banalizza nella divisione tra chi vuole le frontiere aperte e chi no. Ne esce un racconto dell’assurdo, per cui i socialisti spagnoli o il presidente francese Macron sono gli illuminati nemici dei muri, pur avendo chiuso i loro confini più ermeticamente di quanto non abbiamo fatto noi per troppi anni. Dall’altra parte ci sono Salvini, la Le Pen e Orban, che pensano ciascuno agli interessi di casa propria e non si capisce bene come possano trasformare questi egoismi in un vantaggio per tutti.

In mezzo restano le visioni tardo ideologiche delle sinistre più o meno estreme e infine il voto ai Cinque Stelle, l’unico suffragio fuori dagli schemi, che si può tranquillamente definire utile per ottenere alcuni risultati mirati oltre ad un allentamento dell’austerità: un taglio agli enormi sprechi delle risorse pubbliche comunitarie, e poi quel salario unico europeo che eleva la dignità dei lavoratori di tutto il continente, contrastando sul serio le delocalizzazioni che hanno creato un dumping industriale inaccettabile tra Stati membri di una stessa comunità.

All’orizzonte c’è insomma la prosecuzione dell’Europa già vista, con tutte le sue speranze tradite, oppure una visione fatta non esclusivamente di steccati, e che riporta i cittadini al centro di un percorso di sviluppo impedito da sacerdoti bravi a celebrare messa solo per le lobby e i mercati. Una sfida non facile, perché le tradizionali famiglie politiche sono date ancora in vantaggio nei sondaggi tra tutti i Paesi chiamati ad eleggere l’Europarlamento. Ma altri cinque anni da tartassati sono un buon motivo per non arrendersi.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Le concessioni sono solo l’inizio. Ora il Paese può cambiare

A prendere sul serio quello che si dice su tutti i canali tv, l’Italia è spacciata. Nessuno è stato aiutato, a settembre ci saranno milioni di licenziamenti, e ovviamente il Governo dorme. Morale della favola: votate Salvini con Berlusconi e la Meloni, che toglieranno le tasse, ci libereranno dagli immigrati che rubano il lavoro agli…

Continua

A chi giova l’operazione nostalgia

Se la politica è l’arte del possibile, con Romano Prodi arriviamo all’impossibile. In fin dei conti parliamo di un signore che riuscì a sapere in una seduta spiritica in quale via era tenuto prigioniero Aldo Moro, salvo poi spedire la polizia da tutt’altra parte. Manager democristiano dell’Iri che spendeva e spandeva miliardi pubblici, ma anche…

Continua

Salvini e Toti sotto a un ponte

Quelli che ieri hanno usato il nuovo ponte di Genova per dimostrare che la revoca della concessione ai Benetton è stata una presa in giro da parte del premier Conte e dei 5 Stelle (ad esempio Salvini e Toti) sono più falsi di una moneta da tre euro. In realtà, l’affidamento temporaneo alla società Autostrade,…

Continua

Chi copre i signori dei caselli

Sono dispiaciutissimo, ma devo riconoscere la sconfitta. L’altra sera nella trasmissione tv di Nicola Porro ho provato a far dire al governatore Giovanni Toti se sta dalla parte degli automobilisti liguri o dei Benetton, e lui nonostante non sia esattamente filiforme mi è sfuggito come un’anguilla. Certo il contesto del programma non aiutava, e decenni…

Continua

Una favola e Toti salva i Benetton

Una regione fatta prigioniera e chi se ne dovrebbe vergognare impazza in tv facendo campagna elettorale, ovviamente trasferendo ad altri le responsabilità proprie e di chi guadagna un sacco di soldi proprio per impedire un tale disagio. Ha dell’incredibile quello che accade da giorni in Liguria, con le autostrade paralizzate per i controlli sulla stabilità…

Continua

Un assalto indecente a Toninelli

Lasciatevelo dire da chi di aggressioni verbali se ne intende, benché essere bullizzato nei talk show televisivi da tutti gli ospiti contro uno, piuttosto che venire coperto da insulti sui social network, è nulla rispetto all’accerchiamento subito qualche giorno fa dall’ex ministro Danilo Toninelli. Per chi ha di meglio da fare che seguire la pagina…

Continua

Pure alleati M5S e Pd sono diversi

Allearsi su specifici obiettivi non significa fondersi, e se a invitare 5 Stelle e Pd a un supplemento di riflessione è anche il premier Giuseppe Conte, pure le basi più recalcitranti dovrebbero valutarne meglio i pro e i contro. Il Movimento, con la sua giovane storia, è cosa ben diversa dai dem, che non hanno…

Continua

Basta regali, condoni e l’inutile Tav

Chi sperava in una raffica di condoni con la scusa dell’economia in stallo per il Covid deve rassegnarsi ad attendere un altro Governo in chissà quale altra legislatura. A chiarirlo è stato ieri lo stesso premier Giuseppe Conte, ammettendo che non c’è riforma più urgente del semplificare la nostra burocrazia, ma questo non significa fare…

Continua

La Verità che sa di balla

Cari lettori de La Notizia, giovedì scorso abbiamo saputo che non esistete nemmeno, perché il direttore di un giornale nato alcuni anni dopo di noi ha sentenziato così, svicolando in questa maniera dalla balla di un milione di cassa integrati non pagati dall’Inps, e soprattutto dalla vergogna del ripristino dei vitalizi per gli ex senatori.…

Continua

Terrorismo su Inps e pandemia

Ci sono molti modi di fare terrorismo. Conosciamo bene quello politico e religioso, mentre la novità è quello sanitario, di gran moda nel crescente numero di scettici sul Covid. Non avevamo idea però di arrivare al terrorismo assistenziale. A tirare le bombe sono da settimane alcuni giornali, immancabilmente rilanciati nei talk show televisivi, quasi tutti…

Continua