L'Editoriale

Un altro passo falso su Salvini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Ieri sulle pagine social della Notizia c’è stato un boom di commenti e visualizzazioni su tre fatti che avevamo in prima pagina: lo stop della Cassazione ai vitalizi dei parlamentari, il sistematico linciaggio dei Cinque Stelle su giornali e trasmissioni tv, e infine le responsabilità di Nicola Zingaretti e non di Virginia Raggi sui rifiuti di Roma. Tutti argomenti che interessano molto, se no non si spiegherebbe il coinvolgimento di tanti lettori. Il tema politico della giornata però è stato un altro: il sottosegretario alle Pari opportunità, Vincenzo Spadafora (nella foto), ha detto in un’intervista a Repubblica che la politica lancia messaggi sessisti, attaccando Matteo Salvini per aver aperto una scia di odio verso la capitana della nave Sea Watch, Carola Rackete, definita sbruffoncella.

Il vicepremier del Carroccio e tutto il suo partito ovviamente non l’hanno presa bene, e proprio Salvini ha avuto gioco facile nel rispondere a Spadafora che se non gli sta bene stare al Governo con un pericoloso maschilista perché non si dimette? Ora è chiaro che per sconfiggere il dramma della violenza sulle donne bisogna contrastare prima di tutto una cultura (più diffusa di quanto non si creda) che affonda le radici sulla prevaricazione dell’uomo rispetto all’altro sesso. Ma è improbabile che il capo della Lega avrebbe usato termini più gentili se a infrangere il divieto di sbarco fosse stato un uomo con la stessa arroganza di Carola.

Quindi Spadafora ha creato un caso riproducendo lo schema che abbiamo visto essere disastroso alle elezioni europee, facendo l’opposizione a Salvini (e quindi allo stesso Governo di cui si fa parte) con una polemica di cui non c’era bisogno. Non siamo a un motivo sufficiente per considerare necessarie le dimissioni di Spadafora (chieste da metà della Lega) o del leader del Carroccio (se si ritengono gli aggettivi usati con la capitana così gravi come dice il sottosegretario 5S). Resta che Salvini non perde occasione per mostrarsi vittima di inaffidabili alleati, trasformando in un campo di battaglia persino l’opinione personale di un sottosegretario, mentre i Cinque Stelle avrebbero molto più consenso giocando in positivo i loro temi, come dimostra il boom di commenti di cui dicevamo proprio in cima a questo articolo.

Gli ultimi editoriali

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA