Un assalto indecente a Toninelli

di Gaetano Pedullà

Lasciatevelo dire da chi di aggressioni verbali se ne intende, benché essere bullizzato nei talk show televisivi da tutti gli ospiti contro uno, piuttosto che venire coperto da insulti sui social network, è nulla rispetto all’accerchiamento subito qualche giorno fa dall’ex ministro Danilo Toninelli. Per chi ha di meglio da fare che seguire la pagina Instagram di Matteo Salvini, che ne ha pubblicato il video senza prendere minimamente le distanze da una tale schifezza, riassumiamo i fatti.

L’esponente più ingiuriato del Movimento Cinque Stelle, in buona compagnia con la Raggi e adesso va di moda la Azzolina, stava prendendo un caffè al centro di Roma quando un gruppo di energumeni rasati e palestrati gli è comparso alle spalle e ha iniziato a provocarlo. Dopo aver provato a rispondere alle contestazioni, Toninelli si è dovuto allontanare, anche perché in pochi attimi si respirava già aria di botte. La scena, diventata virale sulla rete, oltre a un naturale sentimento di sdegno dovrebbe suscitare preoccupazione per lo scadimento dei presupposti di una convivenza civile e democratica. E invece niente.

Con poche eccezioni, a partire dal reggente dei 5S, Vito Crimi, quasi nessuno ha espresso un millimetro di solidarietà al parlamentare, quando in passato per molto meno c’era la gara ad assegnare scorte e stracciarsi le vesti. Un atteggiamento inaccettabile, indipendentemente da cosa si pensi di Toninelli e del lavoro fatto da responsabile dei trasporti. Un lavoro di cui pochi sanno, perché a prendersi i meriti del ponte di Genova sono i compari di partito di chi ha dato le concessioni ai Benetton, incensati da una stampa indecente per come ha demolito l’immagine dell’unico ministro arrivato a un passo dal togliere la mangiatoia regalata ai privati con la gestione delle autostrade.

Per tenersi il malloppo i quotidiani e le tv amiche dei Signori dei caselli hanno assalito quest’uomo più di quanto stava per accadere in strada. Varrà poco, ma oggi non potrei usare meglio lo spazio su questo giornale per testimoniare vicinanza e stima a un uomo coraggioso nel combattere il sistema. Un uomo che chi vuole riformare e cambiare davvero questo Paese non può lasciare solo.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Favori all’industria del fumo. L’ultima balla per colpire i 5 Stelle

Chi si ricorda dello “scoop” di un giornaletto scandalistico spagnolo sui miliardi regalati ai 5 Stelle dal governo del Venezuela? Era una tale balla che se n’è già persa la memoria. Eppure per giorni tenne banco nel dibattito politico, perché questo genere letterario affascina il sistema dell’informazione, disposto a bersi tutto pur di dimostrare che…

Continua

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua