L'Editoriale

Un bubbone nello stile dei subprime

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Finiamola di dare tutta la colpa alla Cina e al petrolio. Certo, sono due temi che c’entrano nella disfatta delle Borse mondiali, ieri arrivate a bruciare solo in Europa 233 miliardi. Dietro la crisi dei mercati c’è però altro ancora. A cominciare dallo scoppio di una bolla che tanti hanno sottovalutato. I crediti non esigibili in pancia alle banche sono giganteschi, e non è un caso che siano proprio le banche a guidare i ribassi sui listini. Se a questo si aggiunge la speculazione, che chiaramente sta scommettendo pure sulle tensioni tra Italia e Commissione europea, ecco che tutti questi ingredienti fanno una grossa frittata. Come uscirne? Oggi Draghi potrebbe dire qualcosa e far capire che il bazooka della Banca centrale europea può sparare nuove munizioni. Parallelamente però l’Ue dovrebbe svegliarsi dal letargo e autorizzare la bad bank proposta dall’Italia per liberare i bilanci degli istituti di credito da un bel po’ della zavorra che hanno dentro. Bruxelles si muoverà? Ad oggi ha solo messo i bastoni tra le ruote, favorendo il crollo di banche come Mps che adesso possono essere conquistate per due euro. Diventando così facile preda di qualche gruppo estero.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA