L'Editoriale

Un Dpcm che cerca l’equilibrio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Nel giorno in cui arriviamo a un passo dai mille morti per Covid arriva un Dpcm di Natale che bilancia lo spirito religioso della festa, con il desiderio delle famiglie di ricongiungersi, e la necessità di tenere alta la guardia contro la pandemia. Per chi continua a straparlare di mancanza di ragionevolezza, di dittatura sanitaria e persino di rigurgiti fascisti, tutto quello che decide il Governo può essere sempre fatto diversamente, e questo è vero, ma se la proposta alternativa è quella delle destre che questa estate parlavano di virus sparito e di aprire le discoteche, o delle Regioni che ancora adesso pretendono di aprire le piste di sci, allora va ringraziato questo premier e la maggioranza giallorossa per aver tenuto la barra dritta, a costo di assumersi l’onere dell’impopolarità pur di scongiurare la terza ondata.

Una responsabilità ancora più grande di fronte a un’opposizione che utilizzando le televisioni e i giornali di cui dispone continua a far crescere la rabbia dei lavoratori e delle imprese più penalizzate. Anche strumentalizzando il Natale, con minime limitazioni sulle messe, quando per tutto il resto dell’anno non frega niente a nessuno di andare in chiesa, o di sentire solidarietà per i poveri che percepiscono il Reddito di cittadinanza (che Salvini, Meloni e Berlusconi vogliono cancellare), per non parlare degli immigrati che vorrebbero rigettare in mare o magari bombardare facendo il blocco navale.

Ipocrisie di grande tristezza tutto l’anno, ma che in questa fase dell’anno diventano ancor più penose, se non per la fede che ciascuno può o non può avere, almeno per le migliaia di persone che stanno morendo e che soffrono insieme ai medici allo stremo negli ospedali. Ora perciò tocca a noi. Le indicazioni su come comportarsi sono chiare, ma sappiamo che i controlli sono minimi. Dunque se abbiamo davvero affetto per i nostri cari possiamo dimostrarlo sacrificandoci un po’. Diversamente possiamo girarla come vogliamo, ma vorrà dire che avrà prevalso l’egoismo.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile (leggi l’editoriale di ieri). Oggi

Continua »