L'Editoriale

Un Governo sedicente rottamatore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Non scontentare Alfano. Nonostante la stampella di Verdini, il governo sedicente riformatore di Matteo Renzi registra due battute d’arresto in un solo giorno. E l’attività politica a pieno regime non è neppure ripartita. Il ministro dell’Interno si mette di traverso sulla depenalizzazione del reato di clandestinità, con la scusa che dopo i fatti di Colonia si darebbe un segnale negativo al Paese. La politica che come al solito si fa imbrigliare dall’emotività, insomma, e non quel faro legislativo che sa prevenire i fatti e orientare la stessa opinione pubblica. Parallelamente c’è da gettare la maschera sui diritti civili. Il Pd a parole è da sempre per un riconoscimento delle unioni civili. Il partito di Alfano però è contrario. Ecco allora che sui clandestini Renzi improvvisamente fa sapere di pensarla come il suo ministro al Viminale e si rinvia tutto. Mentre sui diritti ci si rifugia sulla libertà di coscienza, con l’effetto prevedibile di sfornare il solito papocchio, in un compromesso al ribasso tra Sinistra e Cattolici. Così si va avanti in un Paese che non sa essere né carne né pesce, incapace di modernizzarsi per non stravolgere equilibri di potere e umori della piazza.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »