L'Editoriale

Un Paese dove il merito non conta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Ieri tanti italiani abbiamo invidiato per un po’ gli inglesi. Votano, scelgono chi li governa e chi ha perso le elezioni toglie il disturbo. Mica come qui, dove alle urne vincono tutti e per questo i politici non mollano mai la poltrona. Se poi capita di essere trombati, l’astinenza da potere non dura a lungo perché uno strapuntino di sottogoverno o un bel consiglio di amministrazione a lor signori si trova sempre. L’ultimo di questi casi è fresco di ieri: l’ex consigliere comunale, consigliere regionale,  assessore, deputato ed eurodeputato Alfredo Antoniozzi  – una vita nella Dc, poi in Forza Italia e infine in Ncd – è stato piazzato nel Cda dell’Enel. Sul sito si può vedere il curriculum presentato dal Tesoro: appena 22 righe. Cosa c’entra Antoniozzi con l’energia è un mistero. Ma molto più misterioso è capire come faccia il nostro premier ad affermare che in questo Paese il potere di relazione è finito e il suo Governo vuole finalmente premiare il merito. Lo spieghi a quelle migliaia di giovani manager preparati e con un curriculum lungo che stanno a spasso mentre l’alfaniano Antoniozzi fa il consigliere in Enel. Con 22 righe di curriculum.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA