L'Editoriale

Un Papa e i mercanti nel Tempio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Come Gesù che scacciò i mercanti dal tempio, il Papa nel Palazzo di Vetro ha sfidato una grande ipocrisia dei nostri tempi. Le nazioni che si dicono unite nel cercare la pace, difendere i deboli e arginare i forti, in realtà sono inermi di fronte a ogni ingiustizia. Anzi. Con il manto del diritto si macchiano di peccati gravi, come l’usura a danno dei Paesi poveri. Una realtà sotto gli occhi di tutti. Per non parlare dell’immobilismo mentre il fanatismo islamico uccide migliaia di persone e altrettante ne fa morire mentre tentano la fuga sulle rotte del Mediterraneo. Ciò nonostante, di leader politici o morali che dicano queste cose in faccia all’Onu non se ne vedono molti. Per questo il discorso di Bergoglio ieri a New York è di portata storica e da oggi impedisce a questa istituzione – diventata un’appendice sterile degli Usa – di dire “non sapevamo”, “non avevamo capito” mentre il terrore e la finanza più avida fanno i loro comodi per il mondo. Una certa deriva politica e culturale definisce Francesco, in modo sprezzante, un Papa rosso. Un rivoluzionario. Ma è di queste rivoluzioni che c’è bisogno. Se non si vuole continuare con i mercati nel tempio.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA