L'Editoriale

Un rimpasto che offende il Paese

GIUSEPPE CONTE
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Uno rinuncia a redditi professionali per un milione e si taglia lo stipendio da premier mentre l’altro in pochi mesi ripaga il prestito con cui si è fatto la villa. Come Giuseppe Conte e Matteo Renzi interpretino in modo differente il servizio alla politica si può misurare anche da qui, ma è sull’idea di bene comune che la distanza tra i due assume dimensioni siderali.

Che piaccia o no, il primo sta combattendo una battaglia durissima contro la pandemia, si è procurato fondi europei per duecento miliardi e oggi presenta il piano con cui spendere questi soldi e far ripartire l’economia. Il secondo invece non si fa scrupolo di lasciare il Paese senza un governo nel momento più acuto della pandemia, salvo probabilmente dirci tra breve che tutto è perdonato perché il Recovery Plan grazie ai geniali consigli di Italia Viva ora sì che funziona, e seppure in ogni trasmissione tv ha detto di non volere poltrone, ne incasserà di nuove.

Le voci che girano in queste ore sono le più varie: in quello che il Centrodestra chiamerà efficacemente Conte ter si parla della Boschi al posto di una ministra straordinaria sui temi del Lavoro, come la Catalfo. In bilico sarebbero pure Azzolina e Lamorgese, mentre nel Pd i giochi sono apertissimi per imbarcare Orlando e forse anche lo stratega della vecchia guardia, Bettini, a spese a quanto pare della sola De Micheli.

Partite di Palazzo, insomma, che non solo non interessano un’acca ai cittadini, ma rallentano proprio adesso i ministeri coinvolti nell’avvicendamento. Una girandola che serve al potere, ma di cui l’Italia non ha affatto bisogno.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile (leggi l’editoriale di ieri). Oggi

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA